Pioppi, Premio Vigna Bio: i vincitori dell’edizione 2020

Grande successo anche quest’anno, a Pioppi, per l’annuale appuntamento con Terroir – Il mare color del vino, rassegna degustazione di vini biologici e biodinamici campani, e l’annesso Premio Vigna Bio per le eccellenze della produzione vinicola regionale. L’iniziativa è indetta e organizzata dal Museo Vivente della Dieta Mediterranea, in collaborazione con Legambiente onlus, la Scuola Europea Sommelier, il Luciano Pignataro Wine&Food Blog e la UOD 500706 della Direzione Generale per le Politiche Agricole e Forestali della Regione Campania.

Dei 52 vini in concorso la giuria, composta da sei membri, tre uomini e tre donne tra sommelier, giornalisti enogastronomici e consumatori, ha premiato, con il primo e secondo posto: per la categoria “Bianchi”, il “2mila18” Fiano IGT Colli di Salerno di Mina Vuolo e l’ “Una Mattina” Fiano IGP 2019 delle Cantine Barone; come “Rosati” il “Lacrima Christi” Vesuvio di Sorrentino Vini e il “Primavera” IGP Colli di Salerno di Casula Vinaria. E ancora, per la categoria “Rossi”, il “Ragis” 2016 Doc Costa d’Amalfi delle Vigne di Raito e lo “Zeros” Falerno del Massico Primitivo DOP di Regina Viarum e, per la categoria “Rossi Riserva”, i vini “Omaggio a Gillo Dorfles” IGP Paestum Aglianico di San Salvatore 1988 e “D’Erasmo” Aglianico del Taburno Riserva di Nifo Sarrapochiello.

Il Premio speciale “Vino della Dieta Mediterranea” è stato assegnato al vino “Assenza” dell’Antica Masseria V